Persone

da 2 a 4 cowboy

GENERAZIONE

generazione

Genere

Azione, Avventura

Game master

Terza avventura giocata presso i padroni di casa di Effugio, a Verona. A prendere le redini di Master adesso è Alessio 😎, che ci condurrà in questa nuova storia, tra lazi, fondine e stivali dentati. Ci introduce nella stanza direttamente ad occhi chiusi e singolarmente, poi si allontana. Improvvisamente sentiamo la voce dello sceriffo 🤠 che ci prospetta tra un’ora circa un bel cappio intorno al collo. Quindi questo sarebbe il momento perfetto per alzare i tacchi, se non vogliamo che ci tirino il collo sulla piazza principale.

La scenografia si presenta rustica e ben congegnata, con la realistica riproduzione di una cella annessa all’ufficio dello sceriffo. 🏜️ La predominanza del legno (mobili, pavimento e pareti), i suoni di sottofondo come nitriti di cavalli, rumori di ferro su ferro, la voce dello sceriffo che ci incalzava: tutti questi elementi, uniti alla mancanza di un timer, ci restituivano un’esperienza immersiva.

La logica di gioco risulta essere lineare. Gli enigmi 🧩 non sono difficili, ma sono tanti ed alcuni richiedono tempo, quindi, nei pochi momenti in cui è possibile, conviene dividersi i compiti. Come stile, abbiamo un uso quasi esclusivo della prima generazione 🗝️, che ben si adatta anche al tema. Effugio non indica un grado di difficoltà della stanza; secondo noi si colloca su un livello medio.

Alcune tip: la stanza è disponibile per essere giocata in lingua inglese 🇬🇧 e non necessità di abilità motorie particolari. Come stanza l’ho trovata molto divertente ed avventurosa, quindi mi sentirei di consigliarla sia a neofiti che bambini: decisamente ottimo come primo approccio nel mondo ER.

Il Labirinto del minotauro

difficolta'

Fugacemente non indica un livello di difficoltà per la stanza, per noi e’ medio.

Trama

Una cella buia: un gruppo di cowboy è stato accusato di aver trafugato un carico di whiskey da un treno in corsa. Lo sceriffo ha già appeso i cappi nella piazza principale per l’esecuzione… Restano solo 60 minuti per dimostrare la propria innocenza ed avere salva la vita!