Altro giro altra corsa con i padroni di casa di GetMeOut Escape Room.

Stavolta ci confronteremo con mistero che appassiona da sempre studiosi e non, il mito del Graal. Come sempre sbrighiamo le solite formalità sulla registrazione, l’illustrazione delle regole comportamentali da tenere dentro la Stanza ed infine il racconto della trama. Questa volta un tocco caratteristico è la consegna di uno zainetto di pelle, stile Indiana Jones, e via all’avventura. 

Un bel connubio tra enigmi old style e meccanismi automatici appartenenti più alla seconda generazione; pergamene, statue, candele, affreschi, vetrate, uniti alla dimensione domotica. Molto belli l’ambientazione, la scenografia ed i contrasti luce-ombra, che, oltre a creare la giusta atmosfera, conferiscono un ulteriore livello di difficoltà alla stanza, essendo il team Topissimi già delle discrete talpe.  

Ecco, in questa Stanza in particolare ritengo sia fondamentale leggere attentamente e ragionare sulle frasi che vengono fornite; sicuramente interpretare un messaggio criptico è più difficile che non decifrare il codice di un lucchetto, ma dà anche più soddisfazione perché ti fa ragionare ancora più fuori dagli schemi. Sulle prime la contrapposizione tra i due stili rende la Stanza poco fluida, per cui la consiglierei ad Escapers che abbiano già avuto modo di esperire anche altre Stanze. 

  

Il-Sacro-Graal-GetMeOut-Itopissimi

difficolta'

Get Me Out non fornisce un livello di difficoltà della Stanza. A nostro modesto e personale parere, può collocarsi in un medio-alto

Trama

Da 2000 anni il Graal, il calice che dona vita eterna, è custodito in un luogo fino ad ora segreto. Cercate di recuperarlo prima che finisca nelle mani sbagliate. Sarete abbastanza scaltri da superare le prove che lo nascondono?

Persone

da 2 a 6 giocatori

automazione

Si

Genere

Azione

Game master

Get Me Out Milano